07212019FREEDOM FLASH:


Paternò, è ufficiale: dopo l’estate referendum su Mauro Mangano

mauromanganosindaco (2)E’ ufficiale. Da ieri sera, quando il consigliere comunale Ignazio Mannino (Pdl-Forza Italia) ha presentato in assise il regolamento, è certo che dopo la pausa estiva i cittadini paternesi saranno chiamati ad esprimersi sull’operato dell’amministrazione retta dal sindaco Mauro Mangano. Un fatto senza precedenti, dato che per la prima volta i cittadini avranno la possibilità di esprimersi e dire direttamente se apprezzano o meno l’operato di sindaco, giunta e maggioranza consiliare. 

“Ritengo sia necessario interrogare i cittadini mediante un referendum consultivo, così come previsto dall’art. 82 dello statuto del comune di Paterno, che permette di indire su iniziativa popolare una consultazione pubblica come strumento utile a valutare le scelte dell’amministrazione in relazione agli indirizzi ed alle decisioni che riguardano la vita della città ed il suo sviluppo”, è quanto ha dichiarato lo stesso consigliere Mannino in Consiglio Comunale durante la seduta di ieri 4 agosto. “Questa posizione – ha precisato Mannino – è naturalmente condivisa oltre che dal sottoscritto anche dagli altri firmatari della mozione di sfiducia (i consiglieri Rau, Tripoli, Faranda, Buttò e Cirino) ma il
mio augurio – conclude – è che tutti i consiglieri di opposizione e maggioranza che abbiano coscienza dello stato di degrado della nostra città possano condividere queste posizione forti ed importanti”.

Tecnicamente, il referendum consultivo è proposto da almeno 3.000 soggetti aventi diritto (quindi residenti nel Comune), con sottoscrizione nell’arco di tre mesi durante i quali verrà data voce alla città. Sapremo così se il sindaco Mauro Mangano gode ancora – ove ne avesse mai goduto – della fiducia dei paternesi. Un atto di grande democrazia con il quale la città si confronterà. La testata giornalistica Freedom24, nel rispetto della storica linea editoriale del periodico e del quotidiano online, offrirà ai cittadini lettori la possibilità di interagire e confrontarsi con le istituzioni nel merito del referendum. E dove possibile, di concerto coi soggetti interessati ed istituzionali, garantirà la possibilità di potere aderire al referendum anche in forma digitale.

Redazione

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.