Cara di Mineo, Buzzi coinvolge Angelino Alfano e Maurizio Lupi

Sharing is caring!

alfano-lupi-2La sua frase «sul Cara di Mineo casca il governo» ha creato a Salvatore Buzzi qualche problema nel carcere sardo dove è rinchiuso per Mafia Capitale. È lui stesso a raccontarlo in uno dei cinque interrogatori resi tra giugno e luglio al pm Paolo Ielo e al procuratore aggiunto Michele Prestipino nei quali ha svelato il diffuso «sistema» della corruzione della politica romana in cambio di appalti. Ai magistrati racconta che in carcere si è creata una vera e propria «psicosi» e che il suo compagno di cella, dentro per traffico di droga, è preoccupatissimo: «Ah, mo tu rientri qui i servizi segreti, Alfano, ci ammazzano a tutti e due, perché non te ne vai?». E il comandante che al suo ritorno dall’interrogatorio gli chiede se è sicuro di voler rientrare in sezione. I magistrati ascoltano lo sfogo di Buzzi e gli consigliano di parlare il meno possibile. Poi l’interrogatorio, che era partito dagli appalti del Comune di Roma, punta alla gara di Mineo, per la quale è indagato il sottosegretario Giuseppe Castiglione. Anche di lui parla Buzzi, seppur le sue dichiarazioni debbano essere ancora verificate dalla Procura. Molte delle cose che il ras delle cooperative racconta su Mineo sostiene di averle sapute da Luca Odevaine. E racconta del «famoso pranzo» con la sedia vuota in cui Castiglione avrebbe detto che era per «quello che deve vincere la gara». Una sedia che poi, dice, sarebbe stata riempita.

 

Buzzi racconta di Odevaine, che prendeva 10mila euro al mese dalla cooperativa «La Cascina» che gestisce il Cara perché gli faceva vincere le gare e dei 100mila euro che gli doveva dare la coop bianca, in ritardo a suo dire di dieci mesi nei pagamenti. Ma il vicepresidente della coop, Ferrara, si arrabbia. E dice: «Sta sempre a chiedé, gli abbiamo pure ristrutturato un appartamento in via Sicilia». E proprio Ferrara avrebbe raccontato a Buzzi che, anche se Odevaine era nella commissione che aggiudicava gli appalti, loro non ne avrebbero avuto bisogno perché avevano rapporti con Maurizio Lupi, «al quale finanziavano le campagne elettorali, perché lui il ministro Lupi è vicino a Comunione e Liberazione quindi aveva messo in contatto…». Ma il ras delle coop dice di non sapere se i finanziamenti fossero in bianco o in nero. Lupi, dice, li aveva messi in contatto con Pizzarotti, il proprietario del residence individuato dal governo per ospitare alcune migliaia di migranti.

 

Ma Buzzi va oltre: «Poi c’avevano un rapporto diretto addirittura con il ministro Alfano». Il pm gli chiede di spiegare meglio. «Significa – spiega Buzzi – che lo conosceva, c’aveva rapporti diretti con Alfano, avevano creato un sistema giù in Sicilia, intorno a Mineo, che è un sistema perfetto perché la gara che consegna ad Odevaine consente di distribuì i soldi a pioggia sul territorio. Nel senso che i comuni venivano premiati con circa due, tre milioni di euro, non lo so, però è tutto in chiaro, da lì…. Centro di accoglienza di quelle dimensioni in un territorio così piccolo». I pm insistono sul ruolo di Lupi: «Lupi li mette in contatto con Pizzarotti, loro se c’avevano problemi potevano rivolgersi addirittura al ministro, il presidente de La Cascina conosceva il ministro, “quindi a noi che ce frega”». Ai magistrati interessa il ruolo del ministro Alfano e quello dell’ex ministro Lupi e vogliono sapere se per questa gara sono arrivati per loro benefici economici. Ma Buzzi frena: «Assolutamente no». A Castiglione, invece, Buzzi attribuisce un «ruolo di mediatore politico»: «Mette insieme nove comuni, destina 400 assunzioni a 9 comuni, lì so 400 persone che lavorano». Alla fine torna la frase sul governo che cade per Mineo. Il procuratore aggiunto Prestipino chiede a Buzzi di spiegarla. E lui: «Bè, il fatto che il ministro Lupi mette in contatto La Cascina con Pizzarotti, che Castiglione è coinvolto così pesantemente nella cosa qualche fibrillazione…. Poi è una frase ad effetto, io ne dico tante, quindi… È una questione politica…». Ma Lupi prendeva soldi dalla Cascina per metterla in contatto con Pizzarotti, vuole sapere il pm? «Questo me lo dice Odevaine che il gruppo La Cascina finanziava, mo saranno stati in chiaro, Comunione e Liberazione e Ncd che erano organici all’Ncd».

Il Giornale

 

Leave a Reply

Submit Comment
*
Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.