08222019FREEDOM FLASH:


Migranti. Sea Watch forza il blocco navale, Guardia di Finanza a bordo

Le autorità italiane sono salite a bordo della Sea Watch 3. Ci troviamo fuori dal porto di Lampedusa. Hanno controllato i documenti della nave e i passaporti dell’equipaggio e ora stanno aspettando istruzioni dai loro superiori”. Così la capitana della Sea Watch 3, Carola Rackete, in un video diffuso su Twitter dalla ong. “Spero vivamente che possano presto fare scendere dalla nave le persone soccorse“, afferma Rackete. La nave Sea Watch 3, con a bordo 42 migranti, è entrata in acque italiane nel primo pomeriggio forzando il blocco dopo 14 giorni al largo delle coste di Lampedusa.

La conversazione tra la nave della ong tedesca e la Capitaneria di porto di Lampedusa è stata riportata da SkyTg24: “Se il vostro stato di necessità è… non posso più garantire lo stato delle persone, devo far sbarcare le 42 persone che ho a bordo. Virerò la barca, entrerò nelle acque territoriali“. La capitaneria chiede di passare su un altro canale, ma poi dice – con tono perentorio -: “Non siete autorizzati a entrare nelle acque territoriali italiane”.

Fonti di palazzo Chigi segnalano che “prima del Consiglio dei ministri odierno, il presidente del Consiglio Conte, il ministro degli Interni e vicepremier Matteo Salvini ed il ministro degli Affari esteri Enzo Moavero Milanesi hanno avuto un confronto di aggiornamento sul caso Sea Watch 3. All’esito del confronto, dopo aver preso atto della violazione, da parte della nave, del provvedimento di divieto di ingresso nelle acque territoriali emesso dal ministro degli Interni in data 15 giugno u.s., di concerto con il ministro della Difesa e con il ministro delle Infrastrutture, e dopo avere preso atto del passo formale compiuto dall’Ambasciatore italiano all’Aja nei confronti del governo dei Paesi Bassi, di cui la nave batte bandiera, hanno concordato di proseguire nelle iniziative formali volte a verificare l’eventuale condotta omissiva di detto governo”.

Potrebbero non sbarcare questa sera dalla nave Sea watch i 42 migranti a bordo. Come apprende l’Adnkronos, al momento, non ci sarebbe l’autorizzazione allo sbarco da parte dell’autorità di pubblica sicurezza. La situazione potrebbe evolversi in serata, ma per ora è ferma. La nave si trova davanti al porto di Lampedusa, in attesa delle decisioni delle autorità.

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è intervenuto dicendo: “Lampedusa e l’Italia hanno bisogno di turisti che pagano, non di clandestini che dobbiamo mantenere noi. Sulla Sea Watch c’è un Paese europeo, che è l’Olanda, che se ne frega. C’è la Germania, di cui ha la cittadinanza l’equipaggio, che se ne frega. C’è l’Unione europea che, come al solito, dorme”. IlGiornale

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.