Sicilia. Lagalla resta, Alfano attendista. C’è ticket Musumeci-Armao

Sharing is caring!

1486575406172.jpg--regionali__s_infiamma_la_guerra_dei_sondaggi_esulta_il_m5s__ma_il_pd___noi_siamo_al_30__

Al momento la posizione di Roberto Lagalla rimane quella del mantenimento di un’autonoma candidatura alla presidenza della Regione con IdeaSicilia e con i partiti popolari ed autonomisti che ne sostengono il percorso. Emerge dopo la riunione di questo pomeriggio dei movimenti civici convocati da Lagalla a sostegno di IdeaSicilia.

Il leader di Fi in Sicilia, Gianfranco Micciché, aveva annunciato di lavorare per un accordo con Lagalla. “Sono molto soddisfatto – dichiara Lagalla – c’è una Sicilia che ha voglia di continuare a credere nel futuro e ha grandi potenzialità, ne sono testimonianza i tanti movimenti e soggetti territoriali che ho incontrato oggi, con i quali esiste una piena condivisione di intenti. Insieme porteremo avanti il progetto di IdeaSicilia, per le prossime elezioni regionali. Con le parti politiche invece continua il dialogo, ma al momento non sono state raggiunte intese specifiche. A riguardo, i partecipanti all’assemblea hanno dato pieno mandato al proseguimento del confronto”.

“Io non voglio lo sfascio della sinistra. Quando è stata avanzata la candidatura di Pietro Grasso ho detto che ero pronto a fare un passo indietro. Ho il diritto che venga espresso un giudizio politico sul mio operato”. Così il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta ha motivato, nel corso della trasmissione televisiva In Onda su La 7, la sua richiesta di svolgere le primarie per scegliere il candidato a governatore in occasione delle prossime regionali. Crocetta ha ribadito di “avere diritto a una verifica politica attraverso i meccanismi democratici previsti anche dallo statuto del Pd” e ha aggiunto: “non è detto che questa opportunità mi venga negata”.

“Abbiamo fatto un’ottima riunione in un clima di squadra affiatato e abbiamo indicato in Giovanni La Via il nostro coordinatore della campagna elettorale. Abbiamo messo a punto alcuni elementi del programma E su questo ci confronteremo quando sarà individuato il candidato”. Lo ha detto il ministro degli esteri e leader di Ap Angelino Alfano al termine del vertice del partito a Palermo sulle regionali in Sicilia che si è appena concluso.

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.