05212019FREEDOM FLASH:


Se i disabili fanno solo “tenerezza”

Side view of man in wheelchair

di Giuliano Guzzo

«Cercasi un attore 15/18 anni nano o con altra disabilità che trasmetta tenerezza». E’ il surreale annuncio di un casting per una fiction Rai, la cui autrice è stata subito licenziata. Ma il punto veramente drammatico è un altro, e cioè che la responsabile di quell’annuncio, più che insensibile, a ben vedere è stata interprete di un pensiero diffuso. Nell’immaginario di molti, infatti, la persona disabile è da tempo declassata a peluche, soggetto da osservare con compassione e a debita distanza, forti della rassicurante consapevolezza che, per fortuna, “noi non siamo così”.

Viviamo insomma in un Paese e più in generale in una società nella quale, da un lato, i nani, fateci caso, sono letteralmente scomparsi e analoga sorte tocca ai bambini cui è diagnosticata la sindrome di Down – tutti quanti abortiti (si legga lo sconvolgente libro di Roberto Volpi: La sparizione dei bambini Down, Lindau 2016) -, ma, dall’altro, guarda come son dolci, ma che cari sono, proprio dei tesori. Stupendo: prima li eliminiamo in massa poi però reclutiamo i sopravvissuti perché, sai com’è, davanti alle telecamere fanno «tenerezza». Chissà se avresti mai immaginato di ritrovarti, un giorno, così tanti adepti, Ipocrisia.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.