Ragazzino di 11 anni bullizzato a scuola: “Non torno, meglio morire”

Sharing is caring!

Ha vinto invece la voglia di vivere di un undicenne contro il bullismo messo in atto contro di lui da tre compagni di scuola fra i 12 e i 14 anni. Botte e insulti per mesi e mesi, poi l’ultima crudele sfida: “ora gettati nel Piave”. Uno strazio continuo fatto di pestaggi, soprusi, sempre con l’immancabile cellulare in mano per registrare le bravate. “Meglio morire che andare a scuola” ha detto tra le lacrime il giovane ai familiari, che vivono nell’hinterland trevigiano, dopo l’ultimo episodio del terzetto, con l’invito a gettarsi nelle acque del fiume. E’ il padre della vittima a ricostruire ora gli eventi agli inquirenti.

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.