Polemica su Signorini. “Se non hai un utero, sull’aborto taci”

Sharing is caring!

di Giuliano Guzzo

Buone notizie. Dopo decenni, il pensiero abortista su cui il filosofo Luigi Lombardi Vallauri scrisse pagine illuminanti, non solo non è evoluto, ma è regredito. Ora sta a un livello tale per cui ad Alfonso Signorini, che ha osato dirsi «contro l’aborto in ogni sua forma» nientemeno che in televisione, si è per lo più risposto con un’obiezione che, raccontata in tanti modi, di fatto è così riassumibile: «Se non hai un utero, sull’aborto taci».

Ne dobbiamo ricavare, seguendo il ragionamento, che non possa parlare di disabilità chi non ne abbia una qualche percentuale riconosciuta; che non possa pronunciarsi sulla violenza di coppia chi non abbia preso un po’ di botte dalla persona amata; che abbia titolo per denunciare gli orrori della guerra solo chi ha avuto almeno la casa distrutta da un bombardamento, e via di questo passo. La logica, chiamiamola generosamente così, è questa.

La buona notizia è dunque che il pensiero abortista ora vive di slogan e pure pessimi (non che ieri vantasse chissà che menti, eh), ma quella cattiva non è da poco. Succede infatti che l’abortismo intellettualmente così malconcio, ridotto a gracchiante megafono di vaccate, abbia e preservi il suo spazio nell’agone pubblico, oltre che mediatico. Intoccabile. Invece chi è contro l’aborto (come lo fu gente tipo Pasolini, Bobbio e Gandhi) è invitato a pesare le parole o, meglio, a tacere. Come ci siamo ridotti.

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.