“Il vaccino? Non farlo è stato l’errore più grande della mia vita”

Sharing is caring!

«Non fare il vaccino è stato il più grande errore della mia vita». Come in molti altri ospedali, il numero di pazienti in cura per Covid-19 nella Bradford Royal Infirmary, a Bradford, è in aumento. Circa la metà di loro aveva scelto di non essere vaccinata, spiega il dottor John Wright. «Mi è stato offerto il vaccino, ma ero arrogante», racconta Faisal Bashir, un 54enne medico che si sentiva sempre in forma. «Palestra, bicicletta, camminate e corse. Dato che ero forte e in salute non pensavo di averne bisogno. Ciò significava anche che se si fosse rivelato non sicuro non avrei corso alcun rischio. Ma la verità era che non potevo evitare il virus. Mi ha preso. Non so come o dove».

Faisal, che è stato dimesso mercoledì dopo una settimana in ospedale sotto ossigeno, ora avverte gli altri di non commettere il suo errore. «Quello che ho sperimentato in ospedale, mi umilia», dice. «Le persone stanno riempiendo gli ospedali correndo rischi ed è sbagliato. Mi sento malissimo. Mi sento davvero male e spero che parlare aiuti gli altri a evitarlo». È uno della quarta ondata di pazienti Covid nella Bradford Royal Infirmary. Il mese scorso il numero dei pazienti ricoverati in ospedale con Covid è sceso a cifre singole, per la prima volta dalla scorsa estate. Questa settimana si sta dirigendo verso i 50, poiché la variante Delta conquista tutti prima di lei. «Alcuni hanno avuto due vaccini e quindi hanno avuto una malattia più lieve – sono vivi, quando senza il vaccino sarebbero probabilmente morti», mi ha detto il mio collega, il dottor Abid Aziz, dopo sei estenuanti turni in reparto. «Altri hanno appena ricevuto la loro prima dose e quindi non sono completamente protetti».

Anche Abderrahmane Fadil, un insegnante di scienze di 60 anni, con due bambini piccoli, ha molti rimpianti. Era diffidente nei confronti dei vaccini a causa della velocità con cui venivano lanciati. Era finito in terapia intensiva per nove giorni. «È così bello essere vivi –  dice. Mia moglie ha fatto il vaccino. Io no. Ero riluttante. Mi stavo concedendo del tempo, pensavo che nella mia vita avendo già vissuto con virus, batteri, il mio sistema immunitario fosse abbastanza buono».

Invece «avevo i sintomi del Covid all’inizio della pandemia. Pensavo che il mio sistema immunitario avrebbe riconosciuto il virus e avrei avuto le difese ma è stato l’errore più grande della mia vita. Mi è quasi costato la vita. Ho preso molte decisioni sciocche nella mia vita, ma questa è stata la più pericolosa e seria». Il Messaggero

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.