Paternò. Corsa clandestina di cavalli: denunciati due belpassesi

Sharing is caring!

Un fermo immagine del video della corsa clandestina avvenuta nel territorio di Paternò lo scorso 10 gennaio. Video poi fatto girare sui social e sul web.

I Carabinieri della Compagnia di Paternò e del Centro Anticrimine Natura di Catania, in collaborazione con l’A.S.P. di Catania e Paternò, hanno denunciato zio (59 anni) e nipote (27 anni) di Belpasso poiché ritenuti responsabili di interruzione di pubblico servizio e maltrattamenti di animali. Lo zio è il proprietario del cavallo “Roberto”, mentre il nipote è il fantino vincitore della gara clandestina di cavalli svoltasi lo scorso 10 gennaio in contrada San Marco di Paternò. La corsa, nel silenzio della domenica di lockdown, non era passata inosservata agli abitanti che hanno immortalato la corsa con foto e video in cui si vedono gli animali frustati dai fantini e incitati da un gruppo di persone a bordo di motoveicoli e posti ai lati della strada. I militari sono riusciti grazie ad una accurata attività info investigativa, anche attraverso il monitoraggio dei social network, a individuare con esattezza uno degli organizzatori della gara e il fantino del cavallo vincitore.

A seguito della perquisizione nelle stalle di proprietà del 59enne sono stati rinvenuti 5 cavalli, 4 metri cubi di mangime destinato all’alimentazione degli animali privo della prevista tracciabilità e diversi farmaci veterinari, di cui alcuni anche di importazione estera, sprovvisti della necessaria prescrizione medica e dell’autorizzazione all’importazione. Questi ultimi farmaci, somministrati al cavallo “Roberto” attraverso delle iniezioni, erano della tipologia “ATP” (adenosintrifosfato) volti cioè a migliorare le prestazioni sportive attraverso una migliore ossigenazione del sangue e il potenziamento muscolare. I carabinieri hanno sequestrato l’intera area, compresi i cinque cavalli trovati all’interno dei recinti, elevando altresì sanzioni amministrative per oltre 22.000€.

Nel proseguo dell’attività investigativa i militari hanno inoltre identificato altri 7 partecipanti alla gara clandestina, quali “spettatori attivi” a bordo di motoveicoli sanzionandoli per il mancato rispetto del divieto di assembramento in violazione delle misure di contenimento al Covid-19.

Nino Naso, sindaco di Paternò

LE PAROLE DEL SINDACO DI PATERNÒ – A commentare l’azione delle Forze dell’Ordine odierna è stato il sindaco di Paternò Nino Naso con una nota diffusa sui suoi social e come comunicato stampa ufficiale: “Apprendo in questi minuti dell’individuazione dei responsabili della corsa clandestina di cavalli avvenuta a Paternò lo scorso 10 gennaio. Due soggetti che non sono neanche paternesi, adesso denunciati all’Autorità Giudiziaria. Ringrazio la Compagnia dei Carabinieri di Paternó, il Centro Anticrimine Natura di Catania e l’Asp di Catania e Paternó per avere individuato i responsabili di questo atto grave avvenuto nel nostro territorio. Questa Amministrazione, con in testa il suo sindaco, è sempre dalla parte della Giustizia e della legalità, e ringrazia le Forze dell’Ordine per essere intervenute tempestivamente, a dimostrazione del fatto che il nostro territorio è attenzionato, controllato e monitorato costantemente”.

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.