07172018FREEDOM FLASH:


Unesco, si valuta ingresso di 5 altri siti in Sicilia

Il Cristo Pantocratore nel Duomo, uno dei nove monumenti sui quali e' stata apposta la targa dell'Unesco che ha deciso di iscrivere nella World Heritage List il sito seriale 'Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalu' e Monreale'. Palermo, 28 ottobre 2016. ANSA/ US - Dossier di Candidatura per l?iscrizione nella World Heritage List del sito seriale ?Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalu? e Monreale? dicembre 2014. All rights reserved © Foto CRICD: Centro Regionale per l'inventario, la catalogazione e la documentazione dei beni culturali della Regione Siciliana +++ NO SALES - EDITORIAL USE ONLY +++

Il Cristo Pantocratore nel Duomo, uno dei nove monumenti sui quali e’ stata apposta la targa dell’Unesco che ha deciso di iscrivere nella World Heritage List il sito seriale ‘Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalu’ e Monreale’. Palermo, 28 ottobre 2016. ANSA/ US – Dossier di Candidatura per l?iscrizione nella World Heritage List del sito seriale ?Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalu? e Monreale? dicembre 2014. All rights reserved © Foto CRICD: Centro Regionale per l’inventario, la catalogazione e la documentazione dei beni culturali della Regione Siciliana +++ NO SALES – EDITORIAL USE ONLY +++

PALERMO, 4 LUG – Altri cinque siti potrebbero entrare nel percorso arabo-normanno tra Palermo, Monreale e Cefalù dell’Unesco. Se ne è parlato a Palazzo Reale, nel corso di conferenza che il Comitato di Pilotaggio ha organizzato proprio in occasione del terzo anniversario dell’iscrizione al patrimonio Unesco. Quando venne costruito il dossier di candidatura per l’iscrizione nella World Heritage List Unesco del sito seriale “Palermo arabo-normanna e la cattedrali di Cefalù e Monreale, in provincia di Palermo furono censiti 22 siti (escludendo i ruderi), di cui soltanto nove con requisiti di idoneità necessari per essere dichiarati “patrimonio dell’umanità”. Sono quindi cinque i monumenti che “bussano” alla porta dell’Unesco, e il Castello a Mare è il primo della lista ed è quello che versa nelle condizioni migliori, anche perché ricade nell’area del porto, interessata da un importante intervento di recupero. Castello a Mare è seguito dal Palazzo di Maredolce,in condizioni precarie.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.