Sorpresa grillina. Di Maio: “Noi pronti a collaborare col Pd anche sul Quirinale”

Sharing is caring!

di maio“Sono venuti da noi perchè Silvio Berlusconi non gli ha permesso di eleggere Luciano Violante: se il Pd usa il buonsenso per argomenti che interessano la collettività noi ci saremo”. Così Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e pentstellato doc sull’eleziione di Silvana Sciarra, docente universitaria a Firenze come nuova giudice costituzionale, espressa dal PD e passata con il sostegno del Movimento 5 stelle.

Legge elettorale – “Nel frattempo il Patto del Nazareno affonda perchè il partito di Berlusconi non è affidabile, non ha tenuta” esulta tronfio Di Maio che al Corriere della Sera sulla legge elettorale confessa: “A luglio i democratici non volevano ascoltarci, ora non so. Noi una legge elettorale ce l’abbiamo, il Consultellum, che è il risultato di una votazione condivisa sulla Rete tra migliaia di persone. Il Pd – continua il pentastellato – oggi ne ha fatta una buona, magari può farne un’altra”.

Quirinale – Oltre alla legge elettorale, come riportato nel servizio del quotidiano Libero, c’è in nodo relativo all’elezione del Presidente della Repubblica e qui un’alleanza con i democratici potrebbe ritornar utile: “Se il capo di Stato decidesse di lasciare l’incarico anzitempo il mio invito è: facciamolo scegliere ai cittadini. Il vero messaggio – spiega Di Maio – di oggi è la vittoria della democrazia diretta. Se il Pd avesse condiviso Gino Strada o Stefano Rodotà che Italia ci sarebbe ora? L’auspicio – continua il grillino – è di spostare l’asse verso i cittadini, coinvolgerli il più possibile”.

Leave a Reply

Submit Comment
*
Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.