Inail: 183.147 contagi sul lavoro dall’inizio della pandemia

Sharing is caring!

I contagi da Covid ed i casi mortali sul lavoro in primo piano nel 21esimo rapporto dell’Inail: 183mila le denunce dall’inizio della pandemia con 782 casi mortali. Solo nello scorso Ottobre ci sono state 1.511 denunce, a spiccare le regioni del Nord (il 42,3% nel Nord-Ovest), il numero delle lavoratrici contagiate supera quello dei lavoratori in tutte le regioni con il 68,3%. Il calo degli ultimi 10 mesi Da gennaio a Novembre 2021 i casi sono in calo del 57,2% – rispetto allo stesso periodo del 2020 – i 183,147 casi di contagio sul lavoro denunciati complessivamente negli ultimi due anni, sono pari ad oltre un sesto del totale delle denunce di infortunio.  Lavoratori morti per Covid: 1/4 del totale

Le morti sul lavoro da Covid-19 – denunciate all’Inail dall’inizio della pandemia – sono 782, oltre un quarto del totale dei decessi denunciati all’istituto dal Gennaio 2020, con un’incidenza dello 0,6% rispetto al complesso dei deceduti nazionali comunicati dall’Istituto superiore di Sanità alla stessa data. Soprattutto nel Nord del paese Nell’analisi territoriale: una distribuzione delle denunce del 42,3% nel Nord-Ovest (prima la Lombardia con il 25,1%), 24,6% nel Nord-Est (Veneto 10,5%), 15,3% al Centro, 12,9% al Sud e 4,9% nelle Isole.

Le province più colpite dai contagi sono Milano (9,6%), Torino (6,9%), Roma (5,3%), Napoli (4,0%). Decessi da Covid: Napoli, Roma e Milano Le province con più decessi da inizio della pandemia sono Napoli (l’8,1%), Roma (il 7,7%), Milano (il 6,6%), Bergamo (il 6,4%), Brescia e Torino (il 4,0% ciascuna).

La maggioranza dei casi mortali riguarda gli uomini (83,2%) e i lavoratori di età 50-64 anni (71,8%). Quasi il 70% dei contagi sono donne La quota femminile sul totale delle denunce di contagio da Covid-19 sul lavoro è del 68,3%: le lavoratrici contagiate superano quelle dei lavoratori in tutte le regioni a eccezione di Calabria Sicilia e Campania, dove l’incidenza delle donne sul complesso delle infezioni  di origine professionale è rispettivamente – del 48,8%, 45,8% e 44,2%. Rainews

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.