11122019FREEDOM FLASH:


Sicilia, caro voli aerei. Interviene l’on. Galvagno

A sollevare la questione sul caro voli e continuità territoriale al Parlamento Regionale siciliano è l’On. Gaetano Galvagno che ha presentato un emendamento alla scorsa Legge di Bilancio con l’obiettivo di istituire un Fondo Speciale di 2 milioni di euro per gli studenti e i lavoratori fuori sede, nonché per i malati costretti a intraprendere costosi ed estenuanti viaggi della speranza, e agevolare così le fasce economicamente più svantaggiate sino a che non si risolva la condizione di insularità e la continuità territoriale.

«Si tratta di una soluzione tampone e temporanea per venire incontro, in maniera assolutamente provvisoria, ai tanti siciliani costretti a lasciare la Sicilia per studio, per lavoro o per malattia, favorendo così il ricongiungimento con le famiglie su cui gravano i costi dei biglietti aerei dei loro cari quantomeno per le festività pasquali e natalizie e da impiegare nei casi di decesso improvviso dei parenti», ricorda l’on. Gaetano Galvagno. «Purtroppo – ammette il parlamentare regionale – i conti della Regione Siciliana sono bloccati e l’emendamento è di fatto vincolato all’evolversi della situazione finanziaria corrente. Tuttavia – incalza l’on. Gaetano Galvagno – è chiaro che la radice del problema necessita dell’intervento ministeriale affinché si possano concludere le trattative con le compagnie aeree e garantire continuità territoriale considerata l’oggettiva condizione di insularità della Sicilia e come prevedono le normative dell’UE in materia».
«L’istituzione del fondo è una prima risposta che vogliamo dare ai siciliani fintanto che non si risolverà il problema della continuità territoriale e lo stato di insularità. Ci stiamo attivati in sinergia alla Regione, alla Camera dei Deputati e al Parlamento Europee. Il mio desiderio – conclude il parlamentare – è riuscire a essere al pari del cugini sardi, ottenendo tariffe bloccate e tariffe agevolate per i residenti».

Al danno si somma la beffa. La compagnia aerea Vueling ha interrotto le tratte per Palermo-Roma con devastanti ripercussioni non solo sul costo del collegamento. A portare la voce di protesta dei siciliani alla Camera dei Deputati è l’on. Carolina Varchi, prima firmataria dell’interrogazione rivolta al Ministro Infrastrutture e Trasporti per fare luce sul forte disagio ravvisato sul territorio. «Con l’addio di Vueling, anche partecipare ad un concorso diventa un lusso per i siciliani», afferma la parlamentare. «Con la perdita dei tre voli giornalieri operati da Vueling, si è consolidato il duopolio Alitalia-Ryanair nella tratta Palermo-Roma. La compagnia low-cost, come è noto, non ospita passeggeri con animali a bordo e non effettua il servizio per i barellati», dichiara l’on. Varchi, sottolineando la drastica riduzione dell’offerta che ha portato al conseguente aumento esponenziale dei prezzi dei biglietti aerei.
«Insomma – conclude Carolina Varchi – Palermo e la Sicilia sempre più isolati. Adesso raggiungere la Capitale d’Italia per esigenze di lavoro, per curarsi o provare a vincere un concorso è diventato un lusso che non tutti potranno permettersi».

Ancora più drastica è l’on. Ella Bucalo. «Il governo dovrebbe assicurare tariffe low cost ai residenti nell’isola, invece seguita a tenerci con il cappio al collo», sbotta la parlamentare. «Ormai, volare da e per la Sicilia, sta diventando proibitivo per tutti. Figuriamoci per chi è obbligato a partire immediatamente, per motivi di salute o per esigenze impreviste. La vera crescita del Sud – osserva l’on. Bucalo – passa attraverso le infrastrutture: autostrade, ferrovie, porti, aeroporti».
«Bisogna obbligatoriamente stare al passo con i tempi, ma concretamente e non solo con gli slogan», rimprovera la deputata che lancia un appello alla deputazione nazionale. «La Sicilia è davvero l’ultima regione d’Italia e non solo dal punto di vista geografico. Pertanto, chiedo a tutta la deputazione nazionale di fare fronte comune e proporre immediatamente al governo l’applicazione, tutto l’anno, di tariffe ridotte per i residenti».

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.