11122019FREEDOM FLASH:


“Senza Forza Italia il Centrodestra è incapace di governare”

La sinistra è stata letteralmente schiacciata dal centrodestra nelle elezioni regionali in Umbria.

Il M5S ha fatto una figuraccia: si è fermato al 7%, ma cerca di tranquillizzare dicendo che i risultati di ieri non hanno nulla a che vedere con la tenuta del governo. Dice. Ma il caos c’è e i gialli e i rossi iniziano ad accusarsi a vicenda. “Esperimento che non ha funzionato”, dice Giggino. E Zingaretti gli fa eco dicendo che adesso il Pd deve “riflettere molto su questo voto e le scelte da fare”. Fatto sta che la sberla in faccia se la sono presa. Pure sonora. E intanto il centrodestra gongola. Donataella Tesei, infatti, ha staccato l’avvarsario di ben 20 punti.

Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia

Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia

Il voto in Umbria – dice Silvio Berlusconi – è “un avviso ulteriore di sfratto a questa coalizione confusionaria, improvvisata, pasticciata. Ma loro resteranno assolutamente in carica, legati come sono alle poltrone dalla loro voglia di potere. Dall’Umbria è venuta una vittoria molto importante che non interessa soltanto i cittadini della Regione Umbria, che pure erano intrappolati in un sistema di potere che durava da 50 anni”. L’avviso di sfratto c’è, ma questi dalla poltrona non si staccano. Anche Giuseppe Conte ha minimizzato e ha promesso di andare avanti. Figuriamoci.

Intanto il Cav, in collegamento con Quarta Repubblica, ha ribadito che “dall’Umbria arriva un segnale importante simbolico verso questo governo non eletto dai cittadini”. L’elezioni in Umbria sono stati una grande prova, prova nella quale il centrodestra ha mostrato tutti i suoi muscoli. Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni si sono complimentati con Matteo Salvini, ma il Cav ci ha tenuto ha precisare che nel centrodestra “è molto importante l’azione Forza Italia, come hanno riconosciuto Salvini e la Meloni, che è il movimento testimone della tradizione occidentale. Senza questa tradizione il centrodestra sarebbe destra estremista non in grado di vincere le elezioni nazionali e non in grado di governare. Il nostro apporto sarà fondamentale, è stato riconosciuto da Salvini e Meloni. Io sono assolutamente convinto che da adesso in poi faremo squadra. Oggi Salvini lo ha anche sostenuto, io aggiungo che saremo la squadra azzurra della democrazia e della libertà in Italia, la nazionale azzurra per il bene dell’Italia”.

E sulle Regionali in Emilia Romagna il Cav non ha alcun dubbio: i fortini rossi non esistono più. “Non ci sono fortini rossi – spiega -. Lucia Borgonzoni è un’ottima candidata, è la candidata dell’intera coalizione: la sosteniamo in modo convinto e unitario. L’Umbria dimostra che non esistono più fortini rossi e, pertanto, credo che abbiamo anche in Emilia Romagna la possibilità di una vittoria con un distacco dalla sinistra considerevole”.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.