Ferrovie dello Stato. Da maggio i nuovi treni per i pendolari

Sharing is caring!

Dopo la sfida dell’Alta velocità, le Ferrovie dello Stato spostano la barra sul trasporto regionale con un investimento di circa 6 miliardi di euro per oltre 600 nuovi treni entro il 2023 per i pendolari italiani. I nuovi treni, il treno ‘Rock’ realizzato da Hitachi Rail e ‘Pop’ realizzato da Alstom, sono stati svelati in anteprima mondiale a Innotrans 2018, la Fiera internazionale dedicata al trasporto ferroviario, alla presenza del ministro delle infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli.

Fs: da maggio nuovi treni pendolari, 6 mld investimento

“La mobilità dolce è una missione di questo Governo e questi nuovi treni sono un enorme passo avanti”. Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli a Innotrans 2018 alla presentazione dei nuovi treni. “La parola centrale della missione del ministero è pendolari”, ha detto Toninelli, spiegando che l’Italia è “un’eccellenza nell’alta velocità” e ora “accanto all’alta velocità mette i treni regionali: “questi treni – ha aggiunto – rappresentano il futuro“.

“Il ministro ci ha dato un grande commitment, la sfida di rivoluzionare il trasporto regionale”, ha sottolineato il nuovo a.d. di Fs Gianfranco Battisti. I primi 9 treni entreranno in esercizio da maggio e le Fs hanno chiesto alle aziende di attivare una seconda linea di produzione per arrivare fino a 14 nuovi treni al meseper arrivare entro il 2023 a circa 600 convogli e soddisfare una domanda annua di 450 milioni di viaggi l’anno. “Finalmente una buona notizia per i pendolari italiani”, ha detto il ministro Toninelli, spiegando di essere “molto contento della sinergia che si è creata tra il Ministero e i nuovi vertici del Gruppo Fs e apprezzo la centralità data ai pendolari nella nuova mission. Con l’arrivo dei nuovi convogli Rock e Pop sarà potenziato il trasporto regionale su ferro e maggiore sicurezza e comfort sarà data a chi ogni mattina, per muoversi, sceglie un mezzo pulito e condiviso come il treno. Bisogna lavorare ancora molto sull’assistenza e sull’attenzione ai pendolari italiani, le società operative del Gruppo FS Italiane sono già attive su questo”.
    I nuovi treni, ha sottolineato Battisti hanno inoltre come elemento caratterizzante “l’italianità”: saranno realizzati infatti negli stabilimenti italiani di Alstom e Hitachi. “Gli investimenti effettuati nei nostri tre stabilimenti di Napoli, Pistoia e Reggio Calabria e la competenza delle persone che vi lavorano hanno rafforzato la nostra posizione nel mercato italiano, per noi strategico, e in quello globale”, ha detto l’a.d. del Gruppo Hitachi Rail Alistair Dormer. “Questo è un riconoscimento importante della nostra lunga esperienza nei treni regionali”, ha detto il Presidente e a.d.  del Gruppo Alstom Henri Poupart-Lafarge, dicendosi certo che “Pop soddisferà le esigenze di Trenitalia in termini di prestazioni, riduzione dei consumi e impatto ambientale, senza dimenticare gli elevati standard richiesti dalle Regioni e dai passeggeri”. Ansa

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.