05222018FREEDOM FLASH:


Sicilia. Arresto Montante: una talpa all’Antimafia

Rosy Bindi, presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, durante una conferenza stampa sulla relazione tra la massoneria e cosa nostra e 'ndrangheta, Palazzo San Macuto, Roma 22 dicembre 2017. ANSA/FABIO FRUSTACI

Rosy Bindi, presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, durante una conferenza stampa sulla relazione tra la massoneria e cosa nostra e ‘ndrangheta, Palazzo San Macuto, Roma 22 dicembre 2017. ANSA/FABIO FRUSTACI

PALERMO, 15 MAG – Una ‘talpa’ in commissione Antimafia avrebbe riferito all’ex presidente di Confindustria in Sicilia Antonello Montante, arrestato ieri per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, il contenuto dell’audizione, che era stata secretata, dell’imprenditore Marco Venturi, l’ex amico e poi diventato il suo più grande accusatore, come si evince dall’ordinanza del gip.

E’ proprio Montante, in una intercettazione ambientale mentre lascia l’abitazione dell’ex governatore Rosario Crocetta assieme a Linda Vancheri, all’epoca assessore regionale alle Attività produttive e molto vicina all’imprenditore, a sostenere di sapere cosa abbia detto Venturi all’Antimafia.

“Tutte le mie domande ha fatto”, dice facendo intendere che poteva contare addirittura su qualcuno all’interno della commissione Antimafia. E concludeva sostenendo che Venturi davanti ai commissari avesse fatto “mala figura”, criticando poi la decisione del presidente Rosy Bindi di dare luogo “all’attività di verifica dell’Antimafia…”.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.