10202018FREEDOM FLASH:


Cattura-4

“Io sono Libero”: stasera su Rai Uno il ricordo dell’imprenditore vittima della mafia

  “Non voglio pagare il pizzo. Perché è una rinunzia alla mia dignità di imprenditore: significa che io divido le mie scelte con i mafiosi”. In un’intervista a Michele Santoro, nel corso di una puntata di Samarcanda,
15278_torre-annunziata-ruba-auto-e-scappa-arrestato-22enne

“Cosa stiamo facendo per la legalità?” Lettera aperta a Bianco e Cardona

La lettera aperta di un imprenditore catanese al sindaco Enzo Bianco e al prefetto Marcello Cardona pubblicata da Live Sicilia Catania. «Potranno toglierci tutto… Ma non la libertà!». La frase è volutamente «rubata» al cinema, come
Don_Michael_Corleone

Blitz contro la mafia americana. Quel che resta dei vecchi padrini

di Riccardo Lo Verso PALERMO – Hanno soprannomi da saga cinematografica hollywoodiana, radici nelle vecchie e potenti famiglie mafiose, ma non il peso criminale dei loro predecessori. La maxi retata dell’Fbi manda in carcere 46
Diga-di-Blufi-Palermo

Diga di Blufi: ennesimo spreco siciliano

di Roberta Barone Non una, il libro nero delle opere incompiute in Sicilia “vanta” una vasta collezione di esempi unici al mondo. Non semplice ironia ma triste realtà resa possibile da logiche di accumulazione illecita tipiche di un sistema
mafia-e-terrorismo2 (1)

La mafia è terrorismo e il terrorismo è mafia

di Valerio Musumeci Parlare di terrorismo islamico e scriverne è sempre molto complicato. Come lo è parlare di mafia, argomento delicatissimo, intrecci di emozioni e storie, eroi che sono caduti ed altri che lottano ancora: perciò quando
mafia-capitale1-999x666

Mafia Capitale, aveva capito tutto Pippo Fava trent’anni fa

di Valerio Musumeci Parliamo di mafia. E iniziamo dalle basi. Che cosa è? Interrogato a proposito sette giorni prima di tirare le cuoia, Pippo Fava, colui che fece scoprire alla città di Catania che nel suo proprio seno essa si nascondeva
Giovanni Falcone

Non c’è più tempo, vincere o morire

di Valerio Musumeci La cosa che colpisce è l’editoriale di Eugenio Scalfari: “Non c’è più tempo”. Sta lì, nella prima pagina de La Repubblica del 24 maggio 1992. Il giorno prima Giovanni Falcone è saltato in aria
maniaci-ingroia

Quel confine astruso e indecifrabile tra mafia e antimafia

di Roberta Barone  “Il mio cliente – dice l’avvocato Bartolomeo Parrino, difensore del giornalista Pino Maniaci – risponderà alle domande dei magistrati e chiarirà le cose. Siamo davvero esterrefatti sia dall’assenza di elementi
Manici-Telejato

Il caso Maniaci fa male ma non c’è niente di nuovo sotto il sole

di Valerio Musumeci Niente di nuovo sotto il sole. Il caso Maniaci, partito qualche settimana fa ed esploso ieri – con la diffusione delle intercettazioni che attesterebbero un’attività estorsiva da parte dell’editore di Telejato, nei
claudiofava

Caso Maniaci, le parole di Claudio Fava: “Noi ingenui, ma Pino adesso spieghi”

di Claudio Fava* Quando qualcuno gli ha impiccato i cani, ho preso un aereo e sono andato a Partinico per dargli solidarietà, conforto, amicizia. Adesso leggo, come voi, che Pino Maniaci avrebbe usato tutto questo (le amicizie, le solidarietà,
marlon brando in the godfather 1972

“Il crimine in tv fa audience”. In un libro di Bonfirraro la mafia nei media

«L’etichetta di “mafioso” sta cominciando a diventare davvero troppo stretta a tutti, soprattutto ai siciliani onesti». Non ha dubbi Cirino Cristaldi, il giovane giornalista catanese autore de “La Mafia e i suoi stereotipi televisivi”,
Pino-Maniaci2

Telejato, accuse all’editore Maniaci. Lui si difende “Mai chiesto tangenti”

di Valerio Musumeci E’ una colonna dell’antimafia nazionale, un simbolo della resistenza al malaffare elevato a modello di vita per tutti e per ciascuno. Lui è Pino Maniaci, editore di Telejato, una tv locale siciliana assurta
Roberto Saviano

Vespa-Riina, Saviano decifra i messaggi in codice di Cosa Nostra

di Gabriele Pocina Non è un caso che Salvo Riina sia andato in televisione, e il suo libro non ne è il motivo. «Un mafioso va in tv per lanciare un messaggio» dice Roberto Saviano, autore di Gomorra ed esperto del fenomeno mafioso.  «E’
italias-got-talent-chiara-perreca

Grazie Chiara, che nella serata della vergogna porti i valori in televisione

di Gabriele Pocina Su tutti i giornali si parla dello scandalo causato da Bruno Vespa. Il conduttore di “Porta a Porta” ha provocato lo sgomento nazionale per l’intervista rivolta al figlio di un criminale, al figlio di
claudiofava

Caso Vespa-Riina, parla Claudio Fava: “Intervistare è legittimo, ma fare le domande giuste”

di Claudio Fava Il problema non è intervistare il figlio di Riina o Totò Riina in persona o un altro macellaio mafioso. Il problema è come lo intervisti. Le domande che gli fai. Le risposte che pretendi di ottenere. Senza piaggerie, senza
Presentazione dei Palinsesti Rai

Riina (junior) a “Porta a Porta”. Antimafia: “Convocare vertici RAI”. Parenti delle vittime: “Vergogna”

di Valerio Musumeci Non è la prima volta che Bruno Vespa ospita a “Porta a Porta” personaggi discutibili. Soltanto la scorsa estate, lo ricorderete, il conduttore di Rai 1 aveva dato scandalo invitando due esponenti della famiglia
news_foto_254_Carabinieri-scritta-e-112

MAFIA, 16 ARRESTI A PATERNO’

I Carabinieri di Catania stanno eseguendo un provvedimento restrittivo del Giudice per le Indagini Preliminari, emesso su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda) della locale Procura, nei confronti di 16 persone ritenute appartenenti
PD - Seminario della corrente Liberal

A Catania “consiglieri mafiosi”. Il sindaco Bianco scrive al procuratore Salvi

CATANIA – Il sindaco di Catania Enzo Bianco e la presidente del  Consiglio comunale Francesca Raciti, in due differenti lettere indirizzate entrambe al Procuratore della Repubblica di Catania Giovanni Salvi, hanno chiesto “ogni approfondimento
salvatore_borsellino-400x241

Trattativa Stato-Mafia, Salvatore Borsellino: “Tutte le condizioni per un attentato”

di Teresa Fabiola Calabria Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo Borsellino, assassinato dalla mafia il 19 luglio del 1992, Fondatore del movimento delle Agende Rosse, da 22 anni porta avanti la battaglia per l’accertamento della
ferrante.

Adrano, incendiata la macchina del sindaco Ferrante: solidarietà da Paternò

«Apprendiamo con indignazione la notizia dell’atto compiuto ai danni del sindaco di Adrano, Pippo Ferrante – afferma il primo cittadino di Paternò, Mauro Mangano – ed esprimiamo, nei suoi confronti, tutta la nostra solidarietà e vicinanza.
Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.