Paternò, la maggioranza: “Ecco cosa ha bocciato il Consiglio”

Sharing is caring!

Consiglio Comunale Paternò

COMUNICATO STAMPA DELLA MAGGIORANZA CONSILIARE PATERNESE.

Riteniamo opportuno intervenire in merito al dibattito politico verificatosi a seguito della proposta da parte di noi consiglieri di maggioranza (condivisa anche dai Consiglieri Piero Cirino e Patrizia Virgillito, che dimostrano ancora una volta di valutare in maniera obiettiva le iniziative finalizzate alla crescita della città) in quanto è doveroso puntualizzare alcuni aspetti tecnico-amministrativi.

La variazione di bilancio non condivisa dai consiglieri di opposizione,  definita da questi ultimi un “minestrone” incomprensibile, prevedeva in maniera molto lineare e dettagliata i seguenti interventi:

1) Fondo Povertà per un importo di 750.000€ che non può essere più iscritto in bilancio dopo il 30 novembre e pertanto non utilizzabile fino alla
stesura del nuovo strumento finanziario nel 2021. Ricordiamo che tali somme dovevano essere destinate alle famiglie disagiate che in un periodo di pandemia risultano essere di vitale importanza.

2) 310mila euro per la manutenzione scolastica finalizzata alla sicurezza per garantire le misure anti Covid nelle nostre scuole, e 1,694 milioni di euro per il noleggio e/o acquisto di strutture modulari per creare nuove aule e spazi nelle scuole al fine di mantenere la sicurezza e garantire le misure anti-Covid.

I citati finanziamenti concessi dal Governo Nazionale (5 Stelle) sono stati bocciati dai loro rappresentati locali.

E’ utile sottolineare che tali somme, pur potendole iscrivere in Bilancio entro il 31 dicembre 2020, dovranno essere necessariamente rendicontate entro la stessa data (31/12/2020) per cui risulta ovvio che l’iter amministrativo per l’utilizzo necessita di essere avviato in tempi congrui e utili.

Ci chiediamo quale sia stata l’azione dei consiglieri di opposizione?
In seno al Consiglio bocciano la proposta della maggioranza che permette di utilizzare le somme senza alcun dibattito e/o proposta alternativa, per poi presentare appena il giorno dopo un copia incolla della medesima iniziativa. Tutto appare come un inutile ed enorme paradosso. Ci sorge il legittimo dubbio che la bocciatura dell’emendamento vada ricercata esclusivamente nel gioco delle parti e nella ferma volontà di contrastare quanto proposto dalla maggioranza.

La nostra azione politica non solo permetteva di dare immediate risposte all’emergenza determinata dal Covid, ma anche di realizzare opere importanti senza ulteriore indebitamento come la sistemazione di strade quali via Romiti, via Sella, via Buonarroti e Corso Paolo VI.

Ed ancora avremmo potuto intervenire: con 72mila euro a beneficio della sistemazione degli immobili comunali come Palazzo Alessi, Galleria d’Arte Moderna e Casa Coniglio. Ed inoltre 12.500 euro per la realizzazione di sistemi di video sorveglianza presso la collina storica.

Forse la proposta è stata bocciata perché non ci limitiamo così come alcuni di loro a fare slogan e video sui social? Forse l’azione messa in campo con questo “maledetto” emendamento dava troppe risposte alla città e alle necessità della stessa?

Non vogliamo lasciare risposte ai posteri ma chiediamo ai consiglieri di minoranza un pubblico confronto, un faccia a faccia per poter comprendere noi e al contempo spiegarlo alla città, quali erano le variazioni oscure che spostavano somme in maniera poco chiara e con interventi inutili e poco produttivi per la città.

I consiglieri di maggioranza. 

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.