Perchè è un dovere votare NO al Referendum

Sharing is caring!

IL PARTITO RADICALE CONSEGNA DELLE FIRME RACCOLTE PER LA RICHIESTA DEL REFERENDUM SUL TAGLIO DEI PARLAMENTARI

di Alessio Grancagnolo

La riduzione del numero dei parlamentari è giustificata, nella logica populista dei suoi fautori, dal risparmio che ne deriverebbe per le casse dello Stato. Ma a quanto ammonterebbe questo tanto declamato risparmio? Secondo le stime più attendibili, elaborate dall’Osservatorio sui conti pubblici italiani (OCPI), si attesterebbe sui 57 milioni di euro l’anno (lo 0,007% della spesa pubblica). Se dividiamo questa cifra per 60 milioni di cittadini otteniamo un risparmio di 0,95 euro annui pro capite. Meno di un euro a testa. Il famoso caffè all’anno, per ogni cittadino.

Ogni anno le spese militari sostenute dal nostro Paese ammontano a 24,7 miliardi. Significa circa 67,7 milioni al giorno. In questo caso, il costo pro capite è poco più di quello di un caffè, ma al giorno (e non all’anno).
Ben 365 caffè all’anno per ogni cittadino. E avanza pure qualcosa per prendere qualche colazione. Insomma: tagliando, anche di un solo giorno, le spese per esercito e armamenti, risparmieremmo più che con il taglio dei parlamentari in un anno.

È prioritario ridurre drasticamente le spese militari e attuare l’art. 11 della Costituzione, secondo cui “L’Italia ripudia la guerra”. Sono questi gli sprechi da tagliare. Ridurre il numero dei parlamentari, invece, significa solo tagliare democrazia e rappresentanza, rendendo il sistema costituzionale complessivamente più oligarchico, specialmente se, come sembra, la prossima legge elettorale manterrà i listini bloccati, lasciando il potere di designare i parlamentari nelle mani delle segreterie di partito.
E su una cosa non ho alcun dubbio: preferisco di gran lunga un F35 in meno e un rappresentante in Parlamento in più.

Chiudi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.