04212019FREEDOM FLASH:


Sicilia, la Lega riparte dai giovani

E’ nata ufficialmente a Palermo la Lega giovani della Sicilia occidentale. Il nuovo organismo è stato “battezzato” a Palazzo delle Aquile alla presenza, tra gli altri, dei parlamentari Riccardo Marchetti, vicepresidente in commissione giustizia alla Camera, e Andrea Crippa, responsabile nazionale della Lega giovani. Padroni di casa, Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali del Carroccio e capogruppo in consiglio comunale, affiancato a Sala delle Lapidi da Elio Ficarra.

Igor Gelarda, Andrea Crippa e Riccardo Marchetti-2“I giovani siciliani potranno guardare con più fiducia al futuro nella propria terra – ha detto Gelarda – supportati da un modello collaudato, quello della Lega, orientato allo sviluppo dei territori nel rispetto delle identità e tradizioni locali, vero valore aggiunto di ogni comunità che vuole creare ricchezza e lavoro. La Lega punta sui giovani siciliani per costruire l’alternativa alla mala politica del passato e del presente – aggiunge Gelarda – che soltanto a Palermo, dati Istat, l’anno scorso ha fatto fare la valigia a 10 mila ragazzi e ragazze verso il Nord e l’estero. Si sommano ai quasi 2 milioni di siciliani che dal 2000 hanno dovuto lasciare le loro famiglie. Quasi 800 mila, non sono mai più tornati. Bisogna invertire questa tendenza – conclude Gelarda – creando le condizioni per fermare l’emigrazione forzata dei nostri figli. Si deve partire per scelta, non per disperazione”. 
 
Al battesimo palermitano della Lega giovani Sicilia occidentale hanno partecipato in tanti. Delegazioni di ragazzi e ragazze sono arrivate, oltre che da Palermo, anche dalle province di Agrigento, Trapani e Caltanissetta. Perfino Catania. C’era anche Oscar Aiello, che a Caltanissetta correrà per il Carroccio come candidato sindaco. Giovani siciliani che guardano alla Lega con fiducia e speranza, grazie anche al lavoro svolto sul territorio da tanti consiglieri comunali dell’Isola transitati nel partito di Matteo Salvini dopo che il senatore Stefano Candiani, sottosegretario al ministero degli Interni, ha preso in mano le redini del partito in Sicilia. 

 “Stiamo cominciando un percorso di crescita per il rilancio della Sicilia – ha detto il coordinatore nazionale Crippa – La differenza la fa la squadra e la capacità di lavorare insieme per un progetto ambizioso. Questo è il nostro biglietto da visita: ragazzi e ragazze militanti che ci credono. Solo così potremo scrivere la nuova storia dell’Italia e della Sicilia”.
Today Sicilia

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.