11212017FREEDOM FLASH:


GERMANIA, VINCE MERKEL

Angela Merkel vince, ma prende una batosta. Volano i populisti di Afd. Crolla l’Spd. E i liberali tornano in Parlamento. E’ questo l’esito delle elezioni in Germania . La cancelliera non ha nascosto un po’ di delusione: “Non ci gireremo attorno, avremmo voluto naturalmente un risultato migliore”, ma poi ha aggiunto: “Siamo la forza maggiore del Paese, e contro di noi non può essere formato alcun governo”.

Angela Merkel, per la quarta volta eletta cancelliere tedesco. (AP Photo/Matthias Schrader)

Angela Merkel, per la quarta volta eletta cancelliere tedesco. (AP Photo/Matthias Schrader)

Le ultime proiezioni di voto in Germania alle 23: Cdu-Csu 32,9% (-8,6% rispetto al 2013), Spd 20,7% (-5,0%), Afd 13%(+8,3%) , Fpd 10,4% (+5,6%), Verdi 9,1%(+0,7%), Linke 8,9% (+0,3%). In base a questi risultati l’Unione Cdu-Csu otterrebbe 243 seggi in Parlamento. I socialdemocratici 153, l’AfD 98, i liberali 77, la Linke 67, ed i Verdi 67.   “È una pesante sconfitta per l’SPD, oggi finisce per noi la grande coalizione”, ha detto Manuela Schwesig, una delle esponenti di spicco dell’SDP, alla ZDF.  Annunciando che andranno all’opposizione.  

 “Un giorno difficile e amaro per la socialdemocrazia – ha commentato Martin Schulz -. Abbiamo mancato l’obiettivo”. Schulz, nonostante la storica sconfitta,  vuole rimanere leader dell’SPD all’opposizione. Merkel e Lindner hanno fatto appello al “senso di responsabilità” per il paese, che vive in “tempi tempestosi” e “difficili”, sollecitando il partito a prendere in considerazione anche una Grosse Koalition. Diversamente resterebbe solo la “Giamaica”, opzione che Verdi e Fdp non escludono, ma che va vagliata “sui contenuti”.

I liberali festeggiano il ritorno in Parlamento.  “La scorsa legislatura è stata la prima in cui i Liberali non sono stati presenti in Parlamento, e sarà anche l’ultima”: ha detto il leader dei Liberali Chrstian Lindner, alla sede dell’FDP, parlando alla folla esultante dei suoi colleghi di partito e degli elettori. 

Allarme ebrei, Afd ricorda peggior passato della Germania – I principali gruppi ebraici tedeschi esprimono allarme per l’ingresso del partito Afd nel parlamento. Il presidente del Consiglio tedesco degli ebrei, Josef Schuster, ha auspicato che gli altri partiti svelino “la vera faccia dell’Afd”, con “posizioni di estrema destra e contro le minoranze”, e che “smascherino le loro vuote promesse populiste”. Il capo del Congresso ebraico mondiale, Ronald Lauder, si è congratulato con la cancelliera Angela Merkel per il suo quarto mandato, chiamandola “una vera amica di Israele e del popolo ebraico”, mentre ha definito l’Afd “un movimento reazionario che ricorda il peggior passato della Germania”.

Avanzata Afd, ecco la mappa dei populismo nell’Ue

I Verdi già avvertono che i colloqui per il governo saranno difficili.  “Ci saranno colloqui difficili, faremo soltanto quello in cui crediamo”, ha detto la candidata di spicco dei Verdi, Catrin Goering-Eckardt, commentando il risultato del partito e la prospettiva di colloqui per una possibile coalizione Giamaica con Unione (Cdu-Csu) e liberali. Ansa

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SUI SOCIAL
    Chiudi

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Per saperne di più clicca su maggiori info.